Luca De Biasi
Luca De Biasi

Luca De Biasi è Wealth Business Leader e come tale  responsabile delle linee di business Investments e Retirement per Mercer Italia.

Specializzato nelle tematiche afferenti l’asset management, fondi di fondi e gestioni patrimoniali, Luca ha maturato un’esperienza pluriennale nel settore finanziario operando in contesti internazionali e ricoprendo ruoli a crescente responsabilità manageriale. Ha ottenuto riconoscimenti per i prodotti gestiti tra cui numerosi Premi Tripla A per fondi equity e bilanciati assegnati dal settimanale finanziario MilanoFinanza, e nel 2012 ha ottenuto il rating “A” da Citywire, che lo ha incluso nella classifica “Top1000 Rating 2012 – best world’s 1000 fund manager”. 

I suoi interlocutori principali sono investitori istituzionali (tra cui Fondi pensione e Casse previdenziali), family office, banche, assicurazioni e Fondazioni con cui collabora nell’ambito delle tematiche di investimento, costruzione di portafoglio, selezione gestori, gestione del rischio ed ALM.

Luca ha conseguito il diploma di laurea e un successivo master in Economia e Commercio presso l’Università degli studi di Bari.

Ha pubblicato su FCHub:

Mercato Finanziario

La pandemia sta già determinando vincitori e vinti sui mercati. Per i gestori diventa strategico individuare gli strumenti più adatti ad aumentare la resistenza dei portafogli e migliorare le performance. Un ruolo che possono avere gli Hedge Funds, come spiega in questo articolo l'Italy Wealth Business Leader di Mercer

Mercato Finanziario
L’85% del campione italiano dichiara di considerare i temi ESG nell’attività di investimento. Si tratta di una delle evidenze più significative emerse dalla ricerca internazionale “Mercer Asset Allocation Survey 2019”, che coordino per il nostro Paese e che analizza le tendenze di asset allocation dei grandi investitori istituzionali, fondi pensione in particolare. Giunta quest’anno alla...
Intervento di Luca De Biasi, Wealth business leader di  Mercer Italia
Mifid

Se la Mifid II deve spingere ad allineare i piani tariffari dei gestori agli interessi dei clienti, molti delle attuali “fee” dei fondi comuni dovrebbero essere riviste al ribasso. Ne è convinto Luca De Biasi, Wealth business leader di Mercer Italia. E in questo intervento spiega il perché. Negli ultimi anni il valore aggiunto ricevuto dagli investitori a fronte della gestione attiva è stato limitato – dice - mentre gli asset manager hanno continuato a mantenere profittabilità e alti margini. Questo in quanto molti prodotti a gestione attiva prevedono commissioni calcolate in percentuale sul patrimonio del fondo. Dunque indipendenti dalla performace. Sia che il mercato salga, sia che scenda, i gestori guadagnano comunque. E in questo articolo per Fchub, Mercer suggerisce all'industria dell'asset management una ricetta per cambiare registro.