Regolazione

L’Europa ha introdotto il Golden Power governativo per proteggere il proprio mercato finanziario. Restano aperti però alcuni interrogativi. Innanzitutto, cosa si intende esattamente per “infrastrutture finanziarie”? E poi: il governo potrebbe agire in conflitto con le Autorità indipendenti che vigilano sul settore, come Banca d’Italia e Consob?

La migliore strategia elettorale è quella di occupare il Centro perché è questa la  collocazione politica vincente? Esaminando ciò che consente a questa strategia di vincere il politologo avverte che in Italia non funziona. Piuttosto, serve altro. Come Matteo Renzi sembra avere capito.

di Paola Pilati
Banche

L’Europa torna a mettere sotto accusa l’intervento del Fondo interbancario nelle banche da salvare? Parla il commissario della Carige, e spiega perché il caso di Genova è molto diverso da quello di Bari. Spezza una lancia per la Vigilianza di Bankitalia. Quanto alle cause di Malacalza…

Fintech

Cresce l’uso dell’intelligenza artificiale nelle aziende di gestione del denaro. Ma la fiducia totale nell’algoritmo per assicurare performance superiori a quelle degli umani è ben riposta? Ecco come sta cambiando l’industria finanziaria, che ha scelto l’approccio “quantamental”, fusione tra quello basato sui fondamentali e quello basato sui dati. Mentre ci si interroga sul rischio che il roboadvisor spazzi via posti di lavoro.

Politica Economica

Tra le discriminazioni di genere c’è anche quella con cui il big money tratta le donne. Due terzi dei bilanci famigliari sono sotto il controllo delle donne. Il 40 per cento della ricchezza globale appartiene al genere femminile. Il 40 per cento delle inziative d’affari appartengono a loro. Peccato che abbiano molte meno chance degli uomini di ottenere prestiti. E non ci sono prodotti finanziari su misura sulle loro necessità. Chi sveglierà la ricchezza rosa?

Politica Economica

Dai mille miliardi promessi alla ricerca dei due-tremila necessari. Dall’intervento pubblico a quello che spetterà al mercato. Dalla distruzione di posti di lavoro alla tutela degli strati più fragili della società. La nuova strategia di crescita dell’Europa legata alla decarbonizzazione è insidiata da mille ostacoli. Ma il primo passo da fare è chiaro: aumentare il prezzo della CO2

Mercato Finanziario

Dopo un 2019 in cui tutte le asset class hanno avuto rendimenti positivi, il 2020 si presenta molto più incerto. A partire dalle mosse della Fed nell’anno elettorale Usa. La strategia è quindi tenersi lontani dagli investimenti più a rischio. Ma non si tratta solo di giocare in difesa. Ci sono anche molte scommesse ragionate su cui puntare. Ecco quali.

Regolazione

L’uscita della BoE dal capitale della Bce costerà 58 milioni. Esplicitamente richiesti indietro nella trattativa anche se a norma di statuto non dovevano essere restituiti. Che riflessi avrà l’uscita della Gran Bretagna sulle capital key?

Paola Pilati
Politica Economica

Anche il Fondo monetario, per bocca della sua economista capo, Gita Gopinah, lancia un avviso ai leader mondiali riuniti sulle Alpi. Sul climate change occorre intervenire. Subito.

Politica Economica

Protezionismo e nuove barriere tariffarie vanno sul commercio internazionale un impatto più disastroso del previsto perché danneggeranno ciò che ha fatto crescere gli scambi e connesso le economie a livello globale: le catene del valore.

Un test molto vicino a noi di cosa succederà è la Brexit. Dove gli analisti mettono fuoco tre scenari.

Politica Economica

Le banche centrali non hanno più spazio per guidare l’economia con il taglio dei tassi. Ma gli altri strumenti di politica monetaria come QE e forward guidance possono essere altrettanto efficaci. Nel suo discorso all’AEA, l’ex capo della Fed presenta un paper in cui ne stima gli effetti in punti percentuali. E rompe un tabù: quello dei tassi negativi anche negli Usa

Mercato Finanziario

Nel 2019 le transazioni sugli Npe si sono ridotte al minimo. Anche se molto è stato smaltito, il problema dei crediti a rischio non è superato, e dopo i casi Carige e Mps, si profila anche quello della Popolare di Bari. Un bilancio sull’industria nata per lavorare su quei crediti, nell’intervista con Maria Teresa Bianchi, presidente di Rev, la bad bank che si occupa delle sofferenze delle prime quattro banche fallite

Negli ultimi anni gli interventi legislativi per mettere l’Italia sulla strada della digitalizzazione non sono mancati. Ma siamo ancora il fanalino di coda in Europa. La strategia per accelerare il processo? Spingere verso la cashless society. Come hanno fatto Publica amministrazione e industria bancaria con il servizio CBill, che permette ai cittadini di pagare dal ticket sanitario alla multa con un semplice clic

C’è una relazione tra la stampa e l’andamento dei mercati? Uno studio del Fondo monetario internazionale dimostra di sì. E che un indice basato sul sentiment prodotto dalle notizie, positive o negative, serve a predire il futuro andamento dei titoli meglio di altri strumenti

Sul tema della presenza delle donne nel mondo del lavoro, delle opportunità loro offerte per fare carriera, e del contributo che un tasso maggiore di partecipazione femminile potrebbe dare alla ricchezza del paese, l’articolo di Paola Profeta pubblicato sul sito dà conto della situazione in Italia (per una più ricca e completa articolazione del tema si rinvia all’ultimo numero di Economia Italiana). Ma fuori dall’Italia cosa succede? Un quadro della situazione lo offre il centro di ricerche della società internazionale di consulenza McKinsey, che da dieci anni monitora il tema del gender gap, e l’impatto economico della crescita della diversità di genere nei luoghi di lavoro.

Banche

Per le banche italiane non è arrivato ancora il momento della svolta favorevole. Il consuntivo 2019 si prospetta migliore di quelli del recente passato e superiore a quanto conseguito in numerosi altri paesi europei. Alcuni indicatori segnalano progressi ma importanti fragilità strutturali non possono considerarsi ancora risolte. Nel complesso resta forte la sensazione di una situazione vulnerabile, non sostenibile a medio termine

La parità di genere non è solo una questione di uguaglianza ma un tema economico: una maggiore partecipazione delle donne al mondo della lavoro sarebbe un contributo fondamentale alla crescita della ricchezza del paese. Ma come ottenere questo risultato? Dalle origini culturali della disparità, alle policy da mettere in campo, arricchite da una serie di riflessioni e suggerimenti di esperti, è il tema monografico a cui l’Editrice Minerva bancaria ha dedicato l’ultimo numero di “Economia Italiana”, rivista fondata da Mario Arcelli.

La presentazione del lavoro avverrà martedì 10 dicembre in Banca d’Italia, presso il Centro C.A. CIAMPI, alla presenza del Governatore Ignazio Visco e della vice direttrice generale della Banca d’Italia Alessandra Perrazzelli.

I lavori saranno conclusi dalla Ministra delle Pari opportunità e della Famiglia, prof.ssa Elena Bonelli.

Giurisprudenza

Il 17 aprile scorso è stata emanata la Direttiva UE n. 633/2019 del Parlamento europeo e del Consiglio in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare. Gli Stati membri dovranno recepirla entro il 1° maggio 2021, operando un’armonizzazione interna con le previgenti disposizioni nazionali in materia di pratiche commerciali sleali e rispettando i limiti imposti dal diritto dell’Unione applicabile al funzionamento del mercato interno. Ma è giusto disciplinare la materia delle pratiche sleali differentemente e separatamente rispetto alla disciplina esistente in ambito strettamente commerciale?

È stato presentato a Piacenza, presso l’Università Cattolica, agli studenti del corso di Laurea magistrale in Gestione di Azienda, il numero 2/2019 della rivista “Economia Italiana” dal titolo Agenda 2030: il punto sullo Sviluppo Sostenibile. 

La Preside, Prof.ssa Anna Maria Fellegara, ha ricordato l’importanza della ricerca e della reputazione che è il valore fondante della ricerca. Coordinati dal prof. Francesco  Timpano, direttore del CeSPEM,  hanno esposto i loro saggi gli autori: Marco FEDELI, Assosef, (la finanza), Toni FEDERICO, Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile (il clima), Patrizia LUONGO, Forum Diseguaglianze Diversità (le disuguaglianze), Lorenzo SOLIMENE, KPMG, (l’economia circolare).

La discussione è stata animata da Agostino ALBERTAZZI, Laboratorio Energia & Ambiente (LEAP) Piacenza; Angelo Federico ARCELLI, Un. Cattolica e Center for International Governance Innovation; Massimo MAGNASCHI, Caritas Diocesana Piacenza; Monica Palumbo, Deloitte Financial Advisory e da Alberto ROTA, Presidente Confindustria Piacenza.

Nell’intervista che segue abbiamo approfondito con Rota le iniziative delle imprese piacentine in tema di sostenibilità.

Mercato Finanziario

Troppo sofisticati e costosi per le Pmi i minibond. Troppo subalterni alle banche i fondi di credito. Troppi incertezze fiscali per le SiS… Un’analisi tra la disponibilità di strumenti potenziali per investire nell’economia reale e come si traducono in opportunità concrete

La radiografia aggiornata di come gli italiani gestiscono i propri risparmi mostra che c’è ancora molto da fare per diffondere l’alfabetizzazione finanziaria. Ma illumina anche un nuovo campo d’azione: la famiglia. E dimostra che i risparmiatori sarebbero disposti a dare, anche senza guadagno, per delle finalità sociali

Banche

La redditività bancaria continua a mantenersi su livelli insoddisfacenti quasi ovunque. Se si scompongono i dati medi, emerge con chiarezza quanto diversificate siano le prospettive delle diverse componenti dell’industria bancaria. Pesano soprattutto la condizione dei mercati di riferimento e la scala dell’attività. Per ritrovare energia, il mondo del credito deve dare una sistemazione a quella parte del circuito bancario (circa un terzo del totale) che gli eventi e i processi di trasformazione di questi anni hanno spinto definitivamente fuori mercato.  

La crescita delle assicurazioni online. Il ruolo dei comparatori, schiaccia-tariffe ma anche broker in proprio. Il ruolo crescente della scatola nera. E quello del Big Data, che consente di fare prezzi su misura di cliente. Mentre l’insureTech apre una prateria di nuovi servizi. Ecco come sta cambiando l’industria delle assicurazioni. Con un’anticipazione dei risultati 2019

Regolazione

Realizzare un mercato bancario unico in Europa è difficile? Non dipende tanto dall’impianto delle regole, ma dalle loro eccezioni: quelle opzioni discrezionali consentite alle autorità nazionali per difendere il proprio mercato interno. Tutti i paesi ne fanno uso a piene mani, con il record dell’Irlanda. Il Rapporto Cer mette a confronto il caso Italia e Germania, che hanno usato questa flessibilità su terreni completamente diversi. Una dimostrazione ulteriore della distanza tra i due universi creditizi. Se le autorità europee vogliono eliminare una volta per tutte queste distorsioni, si devono aspettare notevoli resistenze

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16