Non pensare solo a gestire l’emergenza, ma istituire a palazzo Chigi anche un gruppo di esperti che prepari il rimbalzo. Per far riconquistare competitività al paese. Consapevoli che il futuro sarà pieno di shock. È la proposta di Enrico Giovannini, economista, portavoce dell’Asvis, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile. Che in questa intervista racconta come il rischio di una pandemia fosse stato previsto. Sulle misure prese oggi, annuncia l’imminente pubblicazione da parte dell’Asvis e del Forum Disuguaglianze delle raccomandazioni su come emendare il decreto dei 25 miliardi. E si chiede: perché non mobilitare anche le risorse private?

Come catalogare l’arrivo del virus? Un cigno nero o un rinoceronte grigio? Imprevedibile o prevedibile? E con quali strumenti culturali – e quali illusioni – sta reagendo la nostra società? Ecco qualche stimolante spunto su cui riflettere

Andrea Battista e Rossella Vignoletti
Fintech

Quali sono le caratteristiche dei prodotti assicurativi digitali? Come evolveranno in un mercato maturo? Oggi si può partire dal ribaltare alcuni luoghi comuni sul mondo delle polizze sul web. Per esempio che si tratti di un’attività diretta, senza intermediari, il che non è vero. Quanto ai costi…

Giorgio Di Giorgio
Politica Economica

In pochi giorni, nel mezzo di una tempesta in atto sui mercati finanziari, ci siamo ritrovati di colpo indietro di 12 anni. In meno di un mese le borse, dai massimi di inizio febbraio, hanno lasciato sul terreno tra il 25 e il 40% e gli spread dei paesi più fragili si sono impennati. Come nel 2008, sono le politiche economiche ad essere chiamate a reagire agli eventi, e sia Fed che Bce hanno preso provvedimenti immediati. Cos’altro si potrebbe fare? Ecco le proposte

Banche

Alla vecchia banca locale subentra una spa a controllo pubblico,con risorse mobilitate dallo Stato attraverso l’MCC, e dal sistema creditizio, attraverso il FITD. Ma la Ue non è sempre stata contraria al salvataggio degli enti utilizzando il denaro dei contribuenti? Ecco la differenza: le risorse sono sì destinate al recupero dell’equilibrio economico patrimoniale dell’Istituto in amministrazione, ma secondo valutazioni che obbediscono alle regole di mercato. Proprio come è accaduto per la tedesca Norddeutsche Landesbank

Mercato Finanziario

La politica ultraespansiva della Bce è stata, negli ultimi anni, l'”unico gioco in città”. Proprio per questo, si comincia a riflettere su come ha cambiato il panorama finanziario, ha influito sui comportamenti dei vari players, ha provocato reazioni nei soggetti coinvolti e indotto contro reazioni.Ecco un’analisi a tutto campo sugli effetti collaterali delle decisioni di Francoforte, molti dei quali sono effetti indesiderati

Politica Economica

Con il Decreto Crescita è comparsa per la prima volta nel quadro legislativo nazionale la figura del “marchio storico di interesse nazionale”, sconosciuto al diritto sovranazionale, che ha disciplinato invece la figura del marchio che gode di rinomanza. Un modo per tutelare il brand Made in Italy, e salvaguardare il frutto del lavoro di passaggi generazionali imprenditoriali. Ecco le regole per iscriversi al registro speciale del Mise

Regolazione

Anche se l’Autorità di Vigilanza sui mercati si è rivolta agli operatori con una consultazione, per cogliere appieno le esperienze applicative degli intermediari, alcune sue prese di posizione fanno sorgere qualche dubbio. Ecco quali possono essere i risvolti più dannosi del nuovo Regolamento

Banche

Gli stimoli della Bce vanno in una direzione, le norme di supervisione dell’Eba in un’altra. E queste ultime hanno sopravvalutato il rischio di credito rispetto al rischio di mercato. È l’analisi del direttore generale di Federcasse, che rappresenta 260 banche di comunità. E propone l’abbandono dell’approccio “una sola regola buona per tutti”. Dal calendar provisioning in vigore, alla nuova definizione di default in arrivo, a Basilea 3Plus, tutto andrà rivisto. Non per abbassare la guardia. Ma per calibrare le misure a seconda dei destinatari

Regolazione

Finora i prodotti assicurativi venivano offerti alla clientela partendo dalle esigenze di marketing dell’assicuratore, e non si tarava la polizza sulle esigenze del consumatore. La nuova direttiva europea IDD impone invece di costruire prodotti assicurativi con un target preciso, da non proporre a chi a quel target non appartiene. E il rispetto di questa regola sarà nelle mani della rete di distribuzione. Per diventare operativa, però, tutta l’industria è in attesa dei regolamenti, che tardano. Finalmente, Consob e Ivass li annunciano in arrivo per Pasqua

Giurisprudenza

La questione della legittimità costituzionale dell’art.72 del TUB, che impone l’autorizzazione della Banca d’Italia per agire contro i commissari straordinari potrebbe avere effetti dirompenti nella gestione dei salvataggi bancari. La questione costituzionale è stata sollevata dal Tar del Lazio, adito dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Jesi contro il diniego di via Nazionale all’azione di responsabilità nei confronti dei commissari straordinari di Banca Marche. Il potere della Banca d’Italia di autorizzare o vietare l’azione di responsabilità di un’amministrazione straordinaria viola davvero la Costituzione? Contro la tesi di un’eccessiva discrezionalità  dell’autorità bancaria ci sono molti argomenti. Eccoli.

 

Banche

La compressione della redditività e la competizione che viene da  “neo-banks” e fintech sono una sfida sempre più evidente per le banche. Il ripensamento dei modelli organizzativi e di offerta, delle architetture IT e una gestione innovativa delle risorse umane sono opportunità da cogliere per mantenere la centralità delle banche commerciali. 

Fintech

Nel mondo del credito la rivoluzione digitale cambia il business model: le persone possono prestare direttamente denaro ad altre persone. Chi presta si prende dei rischi, ammette Pietro Cesati, fondatore di Soisy, che finanzia all’istante chi fa acquisti su e-commerce. Ma sono rischi sparsi nel sistema, non in capo a poche banche. E questo mette al riparo dalle grandi crisi sistemiche. In questa intervista spiega perché.

Regolazione

L’Europa ha introdotto il Golden Power governativo per proteggere il proprio mercato finanziario. Restano aperti però alcuni interrogativi. Innanzitutto, cosa si intende esattamente per “infrastrutture finanziarie”? E poi: il governo potrebbe agire in conflitto con le Autorità indipendenti che vigilano sul settore, come Banca d’Italia e Consob?

La migliore strategia elettorale è quella di occupare il Centro perché è questa la  collocazione politica vincente? Esaminando ciò che consente a questa strategia di vincere il politologo avverte che in Italia non funziona. Piuttosto, serve altro. Come Matteo Renzi sembra avere capito.

di Paola Pilati
Banche

L’Europa torna a mettere sotto accusa l’intervento del Fondo interbancario nelle banche da salvare? Parla il commissario della Carige, e spiega perché il caso di Genova è molto diverso da quello di Bari. Spezza una lancia per la Vigilianza di Bankitalia. Quanto alle cause di Malacalza…

Fintech

Cresce l’uso dell’intelligenza artificiale nelle aziende di gestione del denaro. Ma la fiducia totale nell’algoritmo per assicurare performance superiori a quelle degli umani è ben riposta? Ecco come sta cambiando l’industria finanziaria, che ha scelto l’approccio “quantamental”, fusione tra quello basato sui fondamentali e quello basato sui dati. Mentre ci si interroga sul rischio che il roboadvisor spazzi via posti di lavoro.

Politica Economica

Tra le discriminazioni di genere c’è anche quella con cui il big money tratta le donne. Due terzi dei bilanci famigliari sono sotto il controllo delle donne. Il 40 per cento della ricchezza globale appartiene al genere femminile. Il 40 per cento delle inziative d’affari appartengono a loro. Peccato che abbiano molte meno chance degli uomini di ottenere prestiti. E non ci sono prodotti finanziari su misura sulle loro necessità. Chi sveglierà la ricchezza rosa?

Politica Economica

Dai mille miliardi promessi alla ricerca dei due-tremila necessari. Dall’intervento pubblico a quello che spetterà al mercato. Dalla distruzione di posti di lavoro alla tutela degli strati più fragili della società. La nuova strategia di crescita dell’Europa legata alla decarbonizzazione è insidiata da mille ostacoli. Ma il primo passo da fare è chiaro: aumentare il prezzo della CO2

Mercato Finanziario

Dopo un 2019 in cui tutte le asset class hanno avuto rendimenti positivi, il 2020 si presenta molto più incerto. A partire dalle mosse della Fed nell’anno elettorale Usa. La strategia è quindi tenersi lontani dagli investimenti più a rischio. Ma non si tratta solo di giocare in difesa. Ci sono anche molte scommesse ragionate su cui puntare. Ecco quali.

Regolazione

L’uscita della BoE dal capitale della Bce costerà 58 milioni. Esplicitamente richiesti indietro nella trattativa anche se a norma di statuto non dovevano essere restituiti. Che riflessi avrà l’uscita della Gran Bretagna sulle capital key?

Paola Pilati
Politica Economica

Anche il Fondo monetario, per bocca della sua economista capo, Gita Gopinah, lancia un avviso ai leader mondiali riuniti sulle Alpi. Sul climate change occorre intervenire. Subito.

Politica Economica

Protezionismo e nuove barriere tariffarie vanno sul commercio internazionale un impatto più disastroso del previsto perché danneggeranno ciò che ha fatto crescere gli scambi e connesso le economie a livello globale: le catene del valore.

Un test molto vicino a noi di cosa succederà è la Brexit. Dove gli analisti mettono fuoco tre scenari.

Politica Economica

Le banche centrali non hanno più spazio per guidare l’economia con il taglio dei tassi. Ma gli altri strumenti di politica monetaria come QE e forward guidance possono essere altrettanto efficaci. Nel suo discorso all’AEA, l’ex capo della Fed presenta un paper in cui ne stima gli effetti in punti percentuali. E rompe un tabù: quello dei tassi negativi anche negli Usa

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16