Politica Economica

Il messaggio del governatore è diretto soprattuto al governo, a cui consiglia di non perdere di vista il debito, ma anche la crescita delle disuguaglianze. Uscire dalla crisi si può, grazie alle risorse vitali del paese, ma servono interventi lucidi e rapidi di modernizzazione. E la mobilitazione degli industriali sugli investimenti

Giorgio Di Giorgio
Politica Economica

Una disamina lucida e puntuale delle fragilità del Paese. Dal debito pubblico al sistema bancario, dalle inefficienze del mercato del lavoro e dei beni al fisco. Un’agenda per stimolare un dibattito tra società civile e forze politiche e con cui delineare la nuova Italia da costruire dopo la crisi

È possibile che, al verificarsi di un evento catastrofico, il sistema assicurativo renda disponibile all’economia e a tutte le aziende che hanno aderito allo schema assicurativo un risarcimento monetario a forfait, per affrontare l’emergenza e coprire il danno immediato e diretto del lockdown? La risposta è sì. Ecco la proposta di un esperto del settore

Banche

Il mercato dei crediti deteriorati avrà un ruolo centrale anche nei prossimi 2 anni. Ma poiché le dismissioni dovranno crescere più degli stock, gli operatori sono preoccupati: i portafogli futuri avranno valori in diminuzione. Sia per la difficoltà di recupero, sia per i tempi della giustizia

Banche

Ci dovremmo porre il problema del come gestire i nuovi flussi che verranno, dice la presidente di Rev, la bad bank controllata dalla Banca d’Italia. E propone una asset management company dedicata alle piccole banche, che con questa crisi sono quelle che soffriranno di più

Mercato Finanziario

A una crisi senza precedenti si risponde con interventi strutturali senza precedenti. Un’ipotesi da riprendere in considerazione è la costituzione di una bad bank che possa raccogliere i crediti in sofferenza (NPL) delle banche europee per quel che rimane dal passato (derivanti dalla crisi finanziaria del 2008) e quelli futuri, generati inevitabilmente dalla pandemia. Lo scopo sarebbe quello di “ripulire” i bilanci dalle sofferenze per destinare nuova liquidità all’economia reale.

Politica Economica

In un’economia in crisi, il settore pubblico deve intervenire per sostituire la domanda privata ridotta. Ma non basta. Oltre al capitale pubblico, anche il ruolo degli investimenti privati è essenziale. Aprendo una serie di asset class al mercato retail con opportuni incentivi, si potrebbero mobilizzare risorse addizionali per un grande piano di ammodernamento del paese

Mercato Finanziario

La pandemia sta già determinando vincitori e vinti sui mercati. Per i gestori diventa strategico individuare gli strumenti più adatti ad aumentare la resistenza dei portafogli e migliorare le performance. Un ruolo che possono avere gli Hedge Funds, come spiega in questo articolo l’Italy Wealth Business Leader di Mercer

Banche

Conti in banca, fondi di investimento, gestioni personalizzate. Nei dati pubblicati sul sito della Bce la fotografia di come investono i propri denari i grandi banchieri centrali, Christine Lagarde in testa

Politica Economica

Come superare il timore di una condivisione dei rischi nell’emissione di un debito comune? Forse si potrebbe tentare un nuovo approccio: prevedere l’emissione di obbligazioni europee che finanzino progetti di interesse comune, per i quali l’Unione si ponga come committente, ma rimanendo proprietaria dei beni così creati

Regolazione

La Ue ha allargato le maglie della disciplina sugli aiuti di Stato fino alla fine del 2020. E oggi la mano pubblica è più necessaria che mai. Non solo per ricapitalizzare le imprese, ma anche per stabilizzare il malessere sociale. Come insegna una lettera di Hayek

di Maurizio Faroni
Politica Economica

Primo, sbloccare gli investimenti pubblici: i soldi ci sono, dice il manager che ha guidato Ferrovie e che ora passa alla multi-utility A2A. Quello che va cambiato è la burocrazia che ne rallenta l’utilizzo. Secondo, contare sulla forza economica e progettuale delle grandi imprese, perché la nostra struttura industriale non è distrutta, ma solo congelata. Basta rimetterla in pista

Politica Economica

“Il punto insidioso della sentenza è quando dice che l’obiettivo della stabilità dei prezzi deve essere valutato alla luce del costo imposto ad altri obiettivi di politica economica. Di fatto, è l’idea che tutta la politica monetaria possa continuare ad essere strategicamente agganciata all’obiettivo del 2 per cento, come è stato finora, a essere messa in discussione”. Nell’analisi di un protagonista del dibattito economico europeo, le possibili conseguenze dell’intervento dei giudici tedeschi

Mentre siamo ancora in piena crisi da pandemia, i motivi di pessimismo si accalcano. Le incertezze e le paure della fase due sembrano dominare, ma proprio per questo occorre reagire e pensare in positivo a come costruire il nostro futuro.  In un’intervista del 1° maggio su Robinson di Repubblica, Joseph Stiglitz segue questa linea quando...
Giorgio Di Giorgio e Guido Traficante*
Politica Economica

Il dibattito sulle risposte di policy appare oggi troppo concentrato sugli strumenti e poco sugli obiettivi da raggiungere. Con tassi di interesse negativi, se la banca centrale vuole davvero stimolare l’economia, l’helicopter money potrebbe essere indirizzato non solo alle famiglie, ma anche alle imprese ed eventualmente per il finanziamento di alcuni “mirati” investimenti pubblici.

Mercato Finanziario

Christine Lagarde non ha ancora trovato il feeling con i mercati. Così tocca a Philip Lane, l’irlandese che ricopre la carica di economista capo, di scendere in campo per raddrizzare le esternazioni della presidente. E chiarire la linea della Bce

Mario Cataldo
Banche

Le prime quattro banche del Paese e il gruppo CDP hanno messo a disposizione dell’economia reale circa 34 miliardi per nuovi strumenti di liquidità per far fronte all’emergenza Covid-19. Un impegno forte, a cui si aggiunge la sospensione delle rate dei mutui. Che effetto avranno sui loro conti economici?

Lorenzo Albanese Ginammi
Giurisprudenza

Chi meglio di un avvocato può valutare l’esercizio dell’attività processuale in videoconferenza? Nel racconto di un protagonista, le innovazioni introdotte dall’emergenza, e le loro possibilità anche nella prossima normalizzazione

Politica Economica

Uno strumento finanziario che si comporti come un fondo di private equity, cioè entri nel capitale, ma che sia di natura pubblica e non segua la logica dell’investitore privato. Quindi non abbia come obiettivo la vendita della società, ma il suo risanamento. Come un fondo, però, si attende di essere remunerato. È lo European pandemic equity fund. E la Ue, la Bce, la Bei lo stanno studiando

Politica Economica

L’Italia è stata più volte censurata dalla Commissione europea per le regole sull’esercizio del golden power. Oggi, con il loro rafforzamento, che amplia anche i settori di intervento, rischia di violare il principio della libera circolazione dei capitali. Senza contare che, soprattutto nel settore IT, impedire la contendibilità delle imprese contrasta con il loro bisogno di finanziamenti, e limita le loro possibilità di crescita

Mercato Finanziario

Raccogliendo la proposta lanciata da Pierluigi Battista sul “Corriere della Sera” di un Fondo nazionale per la cultura, o Cultura Bond, ecco alcune delle idee che circolano tra gli studiosi dei mercati finanziari. E come potrebbero funzionare gli “art fund” che abbiano l’arte come asset class

Lorenzo Albanese Ginammi

Si allungano i tempi del recupero crediti, con rinvio delle procedure al 2021. Ma questo produrrà un effetto domino che farà crescere le insolvenze, e trasformerà i rimborsi mancati in crediti deteriorati. Soluzione? La ricerca di soluzioni bonarie tra debitori e creditori

Politica Economica

La decisione di applicare in via eccezionale i meccanismi di golden power in massima scala, con difesa rivolta anche ad investitori appartenenti all’Unione europea, è eccessiva? No:appartiene al legislatore nazionale la decisione di adottare meccanismi di selezione anche per gli investimenti intracomunitari, derogando a principi fondanti dell’Unione, quali appunto la libertà di stabilimento, oltreché la libertà di movimento di capitali

Giurisprudenza

L’art. 8 del “Decreto Liquidità” prevede una singolare misura, rubricata “Disposizioni temporanee in materia di finanziamenti alle società”. In pratica, il socio finanziatore che abbia erogato il finanziamento tra il 9 aprile e il 31 dicembre 2020, non dovrebbe restituire gli eventuali rimborsi ricevuti nell’anno precedente la dichiarazione di fallimento.
La norma è diretta a evitare il possibile freno all’iniezione di liquidità che i soci potrebbero fare avere all’impresa per una pronta ripresa della produzione. Ma presenta insidie su cui il legislatore dovrebbe intervenire