Focus ABF
Le decisioni che contano

La rubrica che FCHub offre ai propri lettori ha l’obiettivo di selezionare tra le decisioni dell’Arbitro Bancario Finanziario quelle più innovative e di maggiore impatto. La qualità dell’attività è garantita da un apposito Comitato di Redazione (v. riquadro) che vaglia e presenta le decisioni più interessanti pronunciate dai sette Collegi in cui l’Abf è articolato. Per semplicità di ricerca e velocità di reperimento, le decisioni sono indicizzate attraverso una voce principale di riferimento e altre voci secondarie.

Comitato di redazione

  • Giuseppe Leonardo Carriero (co-editor)
  • Raffaele Lener (co-editor)
  • Pierfrancesco Bartolomucci
  • Veronica Carriero
  • Maria Domenica Ciace
  • Italo Maria Maioli Castriota Scanderbech
  • Francesca Parrillo

Filtri per la ricerca

Anno
Collegio
Voce principale
In difetto del preavviso della revoca dell’autorizzazione all’utilizzo di carte di pagamento, la segnalazione in CAI deve ritenersi effettuata in carenza del suo presupposto formale e, quindi, in violazione dell’art.10 ter della legge n. 386/1990; l’illegittimità della segnalazione comporta, di conseguenza, l’obbligo dell’intermediario di adoperarsi per la cancellazione della stessa, oltre che, eventualmente, del risarcimento del danno, ove ne sia fornita la prova
(MDC)
Collegio di: Coordinamento
Pres. Lapertosa
Est. Vascellaro
Decisione n. 8089
Anno 2021
Voce principale: Strumenti di pagamento
Voci secondarie: assenza di preavvisoillegittimità (cod. civ. artt.1226 - 2056 - 2697; l. n. 386/1990 art. 10 ter)revoca dell’utilizzosegnalazione in CAI
Le questioni che attengono a profili inerenti al procedimento speciale di pignoramento esattoriale rientrano tra le controversie per le quali è pendente un procedimento di esecuzione forzata; dette questioni, pertanto, in base alla specifica normativa di settore emanata dalla Banca d’Italia, sono sottratte alla competenza dell’ABF
(MDC)
Collegio di: Coordinamento
Pres. Lapertosa
Est. Lamandini
Decisione n. 8088
Anno 2021
Voce principale: Conto corrente bancario
Voci secondarie: inammissibilita' (cod. proc. civ. art. 546 d.p.r. n. 602_1973 artt. 19 - 57 - 72 bis)pendenza di procedura esecutivapignoramentorateizzazione del debitorichiesta di svincolo
Il carattere recettizio delle proposte di modifica unilaterale del contratto comporta che l’intermediario è tenuto a provare che le clausole relative siano specificamente approvate dal cliente.
(MDC)
Collegio di: Roma
Pres. Sirena
Est. Mosco
Decisione n. 18439
Anno 2020
Voce principale: Conto corrente bancario
Voci secondarie: anatocismo e commissioni variefattispecie (cod. civ. artt. 1176 - 1218 - 1226; d.lgs. n. 385/1993 artt. 117 - 118 - 119 - 120 - 126 quater); d.l. n. 185/2008 art. 2 bisillegittimitàproposte unilaterali di modifica
La conclusione, dopo la segnalazione a sofferenza in Centrale dei Rischi, di un piano di rientro del debito rappresenta di per sé un indicatore della circostanza che l’intermediario non abbia ben valutato la situazione finanziaria complessiva del cliente prima della segnalazione a sofferenza, con ciò violando il canone generale di buona fede e correttezza.
(MDC)
Collegio di: Roma
Pres. Greco
Est. Sirgiovanni
Decisione n. 21684
Anno 2020
Voce principale: Centrale dei rischi
Voci secondarie: assenza dei presupposti sostanzialicessione del credito e “segnalazione in continuità”fattispecie (cod. civ. art. 1375)illegittimitàrisarcimento del dannosegnalazione “a sofferenza”
È illegittimo il comportamento dell’intermediario che non motivi adeguatamente il proprio diniego all’accesso ai benefici previsti dalla normativa emergenziale.
(MDC)
Collegio di: Roma
Pres. Sirena
Est. Prosperetti
Decisione n. 23462
Anno 2020
Voce principale: Mutuo
Voci secondarie: carenza di motivazionediniegoillegittimità (cod. civ art. 1375; d. l. n. 18/2020 art. 56)istanza di sospensione dei pagamentinormativa emergenziale
La concessione di finanziamenti ai sensi della normativa emergenziale in tema di pandemia da covid 19 non esclude, da parte dell’intermediario, la valutazione del merito creditizio dell’istante; è fatto salvo il rispetto dei principi di buona fede e correttezza da parte dell’intermediario stesso nel fornire tempestivo riscontro in ordine all’esito dell’istanza e alle relative valutazioni.
(MDC)
Collegio di: Napoli
Pres. Carriero
Est. Monticelli
Decisione n. 2971
Anno 2020
Voce principale: Finanziamento
Voci secondarie: condotta dell’intermediarioinsindacabilitàmerito creditizionormativa emergenzialeprincipi di buona fede e correttezza (cod. civ. artt. 1175 - 1176 e 1337)