Liliana Fratini Passi
Liliana Fratini Passi

Direttore Generale di CBI, Società Consortile per Azioni che definisce servizi innovativi per prestatori di servizi di pagamento, pubbliche amministrazioni e Fintech nel mercato transazionale dei pagamenti. Ne ha creato lo start – up nel 2001 con l’allora Associazione per il Corporate Banking Interbancario (ACBI), sotto l’egida dell’Associazione Bancaria Italiana, divenuto poi Consorzio CBI nel 2008.

Ha maturato una significativa esperienza strategica nel global transaction banking e digital innovation del sistema finanziario, contribuendo a rafforzare il ruolo di CBI come “industry utility”. Ha curato negli anni l’ideazione e lancio di molteplici servizi digitali innovativi di pagamento e di scambio documentale, basati su infrastrutture interoperabili di sistema per semplificare la relazione tra intermediari, cittadini, imprese e Pubbliche amministrazioni.

Sotto la sua responsabilità sono state realizzate le evoluzioni del Servizio CBI (Corporate Banking Interbancario), per semplificare il rapporto Banca-Impresa; ideato e lanciato il servizio CBILL, per l’avvisatura e il pagamento online di utenze e di avvisi pagoPA; ideato e lanciato CBI Globe, la piattaforma collaborativa di open banking per il colloquio Prestatori di Servizi di Pagamento-Fintech e cittadini per rispondere alla compliance PSD2 e sviluppare servizi a valore aggiunto nell’ambito della data sharing economy.

È autrice di molteplici articoli e paper a livello nazionale ed internazionale pubblicati in riviste autorevoli del settore finanziario. È relatrice in molteplici consessi nazionali ed internazionali su temi afferenti alla trasformaIone digitale del paese con particolare attenzione ai pagamenti elettronici, financial value chain, Big Data analytics, Blockchain. È inoltre esperta in tema di gender gap collegato in particolare al settore finanziario.

Ricopre inoltre diversi incarichi nazionali ed internazionali: è stata fino al 2019 Presidente del Gruppo di Lavoro “Servizi Finanziari” del Tavolo Strategico Nazionale sulla Facilitazione del Commercio Internazionale (Trade Facilitation); da giugno 2020 è Vice Presidente presso UNECE-UN/CEFACT nelle materie relative a International Supply Chain (ha ricoperto in precedenza l’incarico di Domain Coordinator Finance nello stesso Program Development Area per UN/CEFACT); è componente del Board di ISO20022 RMG (Registration Management Group); è membro di CIPA (Commissione Interbancaria per l’Automazione) e CPI (Comitato Pagamenti Italia) sotto l’egida di Banca d’Italia.

Ha pubblicato su FCHub:

Liliana Fratini Passi
Fintech

Il boom di soggetti non bancari nello spazio finanziario europeo richiede l'intervento del legislatore per dare ai consumatori di questo nuovo mercato un sistema dei pagamenti aperto e sicuro

Liliana Fratini Passi
Mercato Finanziario

Visto che il cliente preferisce scaricarsi una app piuttosto che andare in filiale, le banche sono costrette a reinventarsi per restare competitive. Ma anche a lavorare insieme a imprese innovative, BigTech, case automobilistiche, retailer, utility. Ecco come le banche possono darsi il nuovo ruolo di intermediario dei servizi terzi grazie a un’infrastruttura centrale: CBI Globe

Fintech

Il Covid ha spinto i consumatori a usare i pagamenti digitali. E ne ha accelerato la diffusione, come dimostrano i dati. E poiché il tracciamento del denaro è il grimaldello per ridurre significativamente l’economia sommersa, liberare risorse e garantire concorrenza equa nel nostro Paese, il lockdown ci può aiutare a essere più resilienti a futuri shock di sistema

Negli ultimi anni gli interventi legislativi per mettere l'Italia sulla strada della digitalizzazione non sono mancati. Ma siamo ancora il fanalino di coda in Europa. La strategia per accelerare il processo? Spingere verso la cashless society. Come hanno fatto Publica amministrazione e industria bancaria con il servizio CBill, che permette ai cittadini di pagare dal ticket sanitario alla multa con un semplice clic