Nov 2017
22

La mappa della libertà

La libertà economica coincide con un più diffuso senso di felicità individuale, con una minore discriminazione tra i sessi, con una maggiore diffusione dei diritti civili, e anche con una aspettativa di vita più lunga. Il Cato Institute – think thank liberal di Washington – ha appena pubblicato il nuovo indice Economic Freedom of the world (Efw) relativo al 2015, ultimo anno in cui sono disponibili dati esaustivi e confrontabili per tutti i 159 paesi presi in considerazione.

La fonte dei dati sono soprattutto il Fondo monetario internazionale, la Banca Mondiale e il World economic Forum, e vengono comunque banditi giudizi di tipo valutativo: il lavoro è coordinato dal Fraser Institute in Canada, e trae origine dalle conferenze tenute da Milton e Rose Friedman con Micheal Walker tra il 1986 e il 1994, a cui seguirono i contributi di molti altri economisti per mettere a punto una misura dell’Efw.

Nell’indice viene presa in considerazione la libertà economica in cinque campi: peso del governo e presenza pubblica, sistema della giustizia, stabilità della moneta, scambi internazionali, e l’impianto legale per credito, lavoro e business. I risultati di quest’anno? Hong Kong e Singapore mantengono i due posti di vertice, seguiti da Nuova Zelanda, Svizzera e Irlanda. L’Italia è al 54mo posto, a pari merito con Bahamas, Honduras, Ungheria e Giamaica, ed è superata da molte economie ex comuniste come Albania, Armenia, Repubblica Ceca, Mongolia e Bulgaria. Rispetto al voto nei cinque settori presi in considerazione la posizione del nostro paese crolla al 122mo posto quanto a peso del governo nell’economia, si riscatta sul fronte della stabilità monetaria e della libertà di scambio (decimo e ventesimo posto), crolla al 98mo per i vincoli all’esercizio dell’intrapresa, è a mezza strada quanto a sistema della giustizia e regolazione (60mo posto e 52mo).

L’Italia è comunque rimasta fuori dall’area dei “big movers”, i paesi che tra il 2000 e il 2015 hanno registrato i balzi più ampi verso il miglioramento, e che sono Romania e Bulgaria, seguite dal Rwanda. Ci possiamo consolare per non essere neanche tra quelli che sono precipitati all’indietro, come Venezuela e Argentina, o Bolivia Grecia ed Egitto.

Link 1 – Mappa interattiva Economic Freedom

Link 1

Link 2 – Economic Freedom of the World

Link 1

I nostri Partner

 Banca Profilo
 Cnpdac
 Deutsche Bank Asset Management
 Eurovita
 EY
 JP Morgan
 Mercer
 Oasi

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai soltanto comunicazioni in seguito alla tua sottoscrizione. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento.

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana