Ago 2018
22
Mercati

È sempre troppo presto per dire che l’oro non piace più

Mentre l’oro, insieme all’incenso e alla mirra, diventano profumi in vendita nella farmacia del Vaticano, l’oro inteso come il giallo metallo considerato àncora di salvezza quando i mercati sono nella tempesta, da mesi continuava a scendere fino a toccare un prezzo che non è mai stato così basso dal 2001. Da quando però Donald Trump ha criticato la stretta della Fed, e il dollaro ha subito perso terreno, sull’oro sono tornati gli acquirenti.

Il disinteresse dei mercati al futuro dell’oro aveva fatto scendere la quotazione a 1.182 dollari l’oncia, con un crollo del 9 per cento da inizio anno. Altrettanto avverse le scommesse sui futures. Tutto per colpa del dollaro, nella sua marcia al rialzo. Ora la retromarcia, con la risalita della quotazione sopra i 1200 dollari l’oncia. Si vedrà presto se è un fuoco di paglia.

I nostri Partner

 Banca Profilo
 Cnpdac
 Deutsche Bank Asset Management
 EY
 Mercer
 Oasi

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai soltanto comunicazioni in seguito alla tua sottoscrizione. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento.

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana