Nov 2018
16
Politica economica

Due messaggi per l’Italia

Paola Pilati

Il valore dei Cds Italy a cinque anni è tornato quasi al massimo dell’anno: da quota 84, il livello di aprile scorso, viene prezzato intorno a 274, il che indica l’aumentata probabilità di default che il mercato  attribuisce al debito italiano, superiore al 4 per cento. I contratti che assicurano contro l’inadempienza del debitore tornano dunque a rispecchiare un umore nero sui mercati rispetto all’affidabilità del nostro paese. Come dare loro torto? La sfida che l’attuale governo ha deciso di lanciare all’Europa con una legge finanziaria i cui numeri nessuno ritiene plausibili, sta tenendo non solo i politici ma osservatori e operatori del mondo della finanza con il fiato sospeso come ai rigori di un mondiale. Peccato che qui non si tratta di vincere o perdere una coppa, ma di mettere il paese sul binario del default.

Che sia questo l’azzardo, lo sospettano in molti: fare di tutto per essere cacciati dall’euro. Studiare tutte le mosse per arrivare ad essere messi alla porta. E uscire dall’euro come una soluzione senza ritorno. Ma l’uscita dall’euro è la soluzione? E cosa succederebbe, poi? 

Il default, per quanto estremo, non è un evento raro. Ce lo ricorda uno studio presentato nel blog della Bank of England https://bankunderground.co.uk/2018/11/15/a-closer-look-at-the-boc-boe-sovereign-default-database/(https://bankunderground.co.uk/2018/11/15/a-closer-look-at-the-boc-boe-sovereign-default-database/) sul nuovo database creato dalla stessa BoE e dalla Bank of Canada proprio sui “sovereign defaults”, che ricorda che dal 1960 a oggi il crack delle finanze pubbliche è stato registrato 145 paesi, o a livello statale o a livello locale. Gli anni Ottanta hanno visto le crisi dei paesi sudamericani, i Novanta quello della Russia, il nuovo secolo l’Argentina, la Grecia, Portorico. La previsione dello studio è che nei prossimi dieci anni il loro numero andrà aumentando, e che il default anche solo di un debito locale diventerà più pericoloso di quanto è stato finora per le maggiori interconnessioni finanziarie tra mercati. 

  

Ma un ulteriore monito viene da un lavoro di Marek Dabrowsky, professore alla Scuola superiore di economia a Mosca (http://bruegel.org/2018/11/is-this-time-different-reflections-on-recent-emerging-market-turbulence/) che guarda di vicino due casi di violenta svalutazione della moneta nazionale. Tale e quale a quella che ci sarebbe in Italia in caso di ritorno alla lira. Avvenuti dall’inizio del 2018, riguardano Turchia e Argentina. Due economie emergenti, certo, ma la cui storia recente può servire d’esempio a chi pensa che la sovranità nazionale sulla valuta sia una ricetta ottimale. Vediamo. 

Il primo segnale dell’attacco speculativo dei mercati contro Turchia e Argentina è stato l’aumento dei Cds sui bond sovrani denominati in dollari dei due paesi, che dall’inizio del 2018 incominciarono a salire rispettivamente di 300 e 400 punti. Come hanno reagito i due governi? Dabrowsky sostiene che hanno reagito facendo entrambi degli errori che ne hanno aumentato la vulnerabilità. La Kirchner in Argentina ha fatto esplodere l’inflazione grazie a una politica di sussidi all’energia, controllo di esportazioni e cambio, protezionismo commerciale, attacco all’indipendenza della banca centrale, e soprattutto spesa pubblica. 

In Turchia, nonostante un severo controllo della spesa, è stata la politica monetaria a creare disastri, producendo inflazione e tassi d’interesse bassi. Alla fine entrambi i paesi si sono trovati, per motivi diversi, con un disavanzo crescente delle partite correnti. Un segnale che non hanno ascoltato in tempo, nonostante gli allarmi di Fmi e Ocse che consigliavano di mettere sotto controllo l’inflazione con politiche fiscali più rigorose e riforme strutturali e di regolazione.

Perché i consigli non sono stati seguiti? Intanto perché cambiare politiche vuol dire ammettere che le tesi “non ortodosse” sostenute fino ad allora erano sbagliate, è l’analisi di Dabrowsky, cosa che la politica non fa volentieri, soprattutto se sono in vista scadenze elettorali; secondo, i mercati finanziari non reagiscono subito, dando ai governi l’illusione di essere nel giusto. Quando viceversa reagiscono, con l’aumento del prezzo dei Cds, la fuga dei capitali, il panico sulle banche, è troppo tardi. E le misure per recuperare terreno, a quel  punto, molto più costose. È stato così per la Turchia dove le strette che si sono susseguite sui tassi non hanno frenato il precipitare della svalutazione della lira turca, e neanche le emissioni in ottobre di titoli governativi denominati in dollari e con rendimenti del 7-8 per cento hanno per ora risolto il problema.

In Argentina le promesse del successore della Kirchner, Mauricio Macri, di ristabilire l’equilibrio macroeconomico hanno camminato troppo lentamente, e non hanno evitato il panico che ha scosso il paese e la sua valuta ancora negli ultimi mesi; gli aumenti dei tassi decisi dalla banca centrale si sono rivelati impotenti a frenare il disastro.

Morale della favola? Non riguarda solo Turchia e Argentina, e non solo i paesi in via di sviluppo ma anche qualcuno dei paesi più avanzati, come Italia e Giappone, sostiene lo studio, che stanno al limite della sostenibilità finanziaria. E che dovrebbero preoccuparsi, primo perché l’era dei tassi bassi si avvia alla fine, con ripercussioni sulla sostenibilità del debito si privato che pubblico, e con nuovi flussi in movimento sul mercato dei capitali; secondo perché la crescita non è eterna, e anzi ci sono già segnali preoccupanti come quelli sul commercio internazionale, che porteranno senz’altro dei contraccolpi; terzo perché le politiche populiste che ignorano l’aritmetica monetaria hanno vita breve. Dunque quando le correzioni della politica economica sono necessarie è bene farle subito. Dopo potrebbe essere tardi. Il messaggio è chiaro, chissà se il governo riuscirà a sentirlo.

I nostri Partner

 Banca Profilo
 Cnpdac
 Deutsche Bank Asset Management
 EY
 Mercer
 Oasi

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai soltanto comunicazioni in seguito alla tua sottoscrizione. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento.

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana