Ago 2018
22
Politica monetaria

Alzare il costo del denaro a Washington condiziona il credito anche a Parigi e Roma

Quando negli Usa la politica monetaria interviene con una stretta sui tassi, l’effetto si propaga anche all’estero, e i paesi più sensibili sono la Francia e l’Italia. Una studio della Banque de France appena pubblicato (https://publications.banque-france.fr/en/international-spillovers-monetary-policy-evidence-france-and-italy) dimostra come le banche, soprattutto francesi e in misura minore le italiane, siano esposte a un meccanismo di trasmissione che le porta a ridurre la disponiblità di credito sul proprio mercato domestico.

Come funziona il meccanismo, conosciuto finora nella sua versione “nazionale”? Quando la Fed vende titoli di Stato a breve termine, chi li compra ritira risorse dai depositi per pagarli. La banca dove erano questi depositi deve quindi ricorrere a forme alternative di finanziamento, in parte stringendo appunto il rubinetto del credito.

Trasportato nella sua versione internazionale il meccanismo di trasmissione della politica monetaria porta a una contrazione dei depositi delle banche le quali, non sapendo trovare altre fonti di finanziamento, riducono i loro prestiti alle banche in Francia e Italia, provocando in questi mercati uno shock che è proporzionale alla loro dipendenza dalle banche Usa. E le più dipendenti da fondi stranieri sono quelle francesi, soprattutto in dollari. L’Italia, invece, ne risente per i prestiti in euro.

I nostri Partner

 Banca Profilo
 Cnpdac
 Deutsche Bank Asset Management
 EY
 Mercer
 Oasi

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai soltanto comunicazioni in seguito alla tua sottoscrizione. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento.

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana