new
approfondimenti/Mercato finanziario
Wanda Valentina Manzo
wanda-valentina-manzo

Con il Public Statement del 30 maggio 2024, l’ESMA ha pubblicato le linee guida indirizzate agli intermediari che utilizzano l’intelligenza artificiale nei servizi di investimento, col fine di garantire conformità agli obblighi derivanti dalla MiFID II. Ecco che cosa prevedono

new
approfondimenti/banche
Roberto Bianchini
Bianchini

Dal gennaio di quest’anno gli istituti di credito hanno l’obbligo di calcolare il Green Asset Ratio per comunicare i progressi nel riorientamento degli affidamenti in termini di lotta al cambiamento climatico e il loro allineamento con la Tassonomia europea. Unanalisi della BCE rivela che il 90% delle banche dell’area Euro hanno portafogli prestiti alle imprese significativamente disallineati 

new
INVESTIMENTI ESTERI
P.P.

Martin Sandbu sul “Financial Times” si impegna a smontare la tesi della fuga dei capitali europei verso l'estero, soprattutto negli Usa. Ecco con quali dati

new
RAPPORTO ASSONIME
P.P.

L'adozione e il rispetto delle  regole di corporate governance diventano sempre più radicati tra le società quotate. Che hanno capito che guidare l'impresa con i criteri ESG conviene

approfondimenti/politica economica
Giorgio Di Giorgio
gdg

Il debito elevato riflette gli ingenti disavanzi del settore pubblico, la bassa crescita  rende impossibile prescindere dal rispetto dei vincoli di bilancio di finanza pubblica, poiché non consente di ripagare nel tempo l’onere dei debiti accumulati. Ecco le scelte che dovrebbe comunicare il governo del paese e quelle che potrebbe affrontare il prossimo governo dell'Unione

ELEZIONI EUROPEE
Paola Pilati

Ecco dove trovare argomenti, analisi, dati e giudizi non scontati sul cammino dell’Unione, colmando quel vuoto di dibattito in cui sono immersi oggi elettori e aspiranti eletti. Con l'indicazione delle tre sfide campali da affrontare. E le possibili soluzioni

BANCA D'ITALIA / CONSIDERAZIONI FINALI
Paola Pilati

Un'agenda chiara per contare in Europa. Ma anche per affrontare la scommessa del nuovo patto di stabilità, per aiutare le imprese a far crescere nuove tecnologie e le banche a digerire l'innovazione. Il pensiero e lo stile del nuovo governatore

approfondimenti/regolazione
Chiara Villani
Chiara-Villani

L’IPR, entrato in vigore ad aprile 2024 e contenente misure ad attuazione graduale, si propone di aumentare la diffusione complessiva dei bonifici istantanei in euro attraverso una serie di obblighi a carico dei PSP, superando la precedente impostazione su base volontaristica. Il Regolamento rappresenterà davvero lo slancio dei bonifici istantanei o creerà solamente un’incombenza eccessivamente gravosa sui PSP?

LA MISSIONE DI UN LIBRO
Michele Rinaldi
Michele-Rinaldi

Siamo un Paese in "default fattuale". Come il debito pubblico avvelena la vita economica e civile, alimenta disuguaglianze e nega futuro ai giovani, in un libro che vuole creare consapevolezza su un problema collettivo. E aiutare a non credere a promesse ingannevoli, provenienti da una parte politica o dall’altra, sulle scelte che siamo chiamati a prendere oggi. Per non dovere assumere decisioni molto più dolorose domani

COMMERCIO INTERNAZIONALE
Rama Dasi Mariani e Giuseppe De Arcangelis
Rama-Mariani
giuseppe_dearcangelis_0

La liberalizzazione commerciale e l'ingresso della Cina nell'OMC hanno prodotto uno shock nel settore tessile-abbigliamento italiano. Una nuova ricerca ne indaga le caratteristiche

TRANSIZIONE CLIMATICA
Fernanda Scianna, Simone Sorgente, Rebecca Vitelli
Fernanda-Scianna
Simone-Sorgente
Rebecca-Vitelli

Ecco come l'Unione Europea ha fatto evolvere via via le proprie politiche per la decarbonizzazione: dalla valorizzazione del prezzo delle emissioni allo sviluppo delle supply chain del net zero. Ma l'efficacia dell'approccio attuale dipende dalla necessità di assicurare un level playing field tra i diversi Stati membri, e dalla compatibilità degli strumenti introdotti con le norme di diritto internazionale

Focus ABF

Arbitro Bancario Finanziario

Le decisioni che contano

La clausola floor attiene alla determinazione dell’oggetto del contratto e/o all’adeguatezza del corrispettivo e, pertanto, è esclusa dal vaglio di vessatorietà ai sensi dell’art 34, comma 2°, del codice del consumo, se formulata in maniera chiara e comprensibile
Collegio di Coordinamento
Decisione n. 4173
Anno: 2024
Pres. Maugeri
Est. Lucchini Guastalla
Voce principale: Mutuo
Nella trattativa e nella conclusione del contratto di cessione del quinto dello stipendio grava sull’intermediario l’obbligo di assistere il cliente nella stipulazione della polizza assicurativa contro i rischi dell’impiego, fornendo ogni informazione sul pagamento del premio, sugli eventi assicurati e sulla liberazione del cliente dal debito. Anche nel caso di polizza assicurativa stipulata dall’intermediario per...
Collegio di Coordinamento
Decisione n. 3576
Anno: 2024
Pres. Maugeri
Est. Carriero
Voce principale: Finanziamento
Costituisce presupposto sostanziale della segnalazione in Centrale dei Rischi della Banca d’Italia il riscontro, da parte del segnalante, di una situazione patrimoniale deficitaria, caratterizzata da una grave e non transitoria difficoltà economica equiparabile, anche se non coincidente, con la condizione d’insolvenza. L’assenza di preavviso – che non rappresenta un requisito di  validità della segnalazione –...
Collegio di Napoli
Decisione n. 1955
Anno: 2024
Pres. Carriero
Est. Nervi
Voce principale: Centrale dei rischi
Ai sensi di legge, le parti possono liberamente stabilire le condizioni che, nell’ambito dei contratti di factoring, regolano la cessione dei crediti con particolare riguardo a quelle concernenti i presupposti per l’operatività della compensazione volontaria. 
Collegio di Napoli
Decisione n. 692
Anno: 2024
Pres. Carriero
Est. Perlingieri
Voce principale: Factoring
Nell’ipotesi di accollo del debito gravante su un immobile acquistato, l’intermediario accollatario che non aderisca al contratto di accollo ha comunque l’obbligo di riconoscere la contitolarità, in capo all’accollante, del debito restitutorio nonché il subentro del medesimo nella posizione debitoria dell’accollato alle medesime condizioni cui questi è obbligato.
Collegio di Palermo
Decisione n. 1825
Anno: 2024
Pres. Maugeri
Est. Piraino
Voce principale: Mutuo
Sulla base della specifica disciplina di settore, il documento informatico su cui è apposta una firma digitale, altro tipo di firma elettronica qualificata o una firma elettronica avanzata o, comunque, è formato, previa identificazione informatica del suo autore ha l’efficacia prevista dall’art. 2702 cod. civ. e soddisfa il requisito della forma scritta.
Collegio di Bari
Decisione n. 1343
Anno: 2024
Pres. Tucci
Est. Bartolomucci
Voce principale: Finanziamento
 Il conto corrente bancario costituisce un “conto di pagamento” ai sensi degli artt.126 decies ss. t.u.b
Collegio di Coordinamento
Decisione n. 26
Anno: 2024
Pres. Maugeri
Est. Sirena
Voce principale: Conto corrente bancario
La valutazione del collegamento negoziale tra un contratto di fornitura e un contratto di finanziamento ha natura incidentale rispetto al riconoscimento della fondatezza della domanda formulata dal cliente nei confronti dell’intermediario con specifici effetti in tema di onere della prova
Collegio di Roma
Decisione n. 7377
Anno: 2023
Pres. Sirena
Est. Accettella
Voce principale: Credito ai consumatori

Arbitro per le controversie finanziarie

tra risparmiatori e intermediari

Le decisioni in pillole

new
L’art. 1838 c.c. prevede che l’intermediario che detiene in deposito titoli in amministrazione, oltre a custodire i titoli, esigerne gli interessi e i dividendi, nonché curare le riscossioni per conto del depositante, deve provvedere alla tutela dei diritti inerenti ai titoli. Sul tema, l’Arbitro si è, in più occasioni, pronunciato, precisando che l’intermediario ha il...
Data: 22 Settembre 2023
Decisione n. 6831
(ID Ricorso: 9343)
Voce principale: servizio di custodia e amministrazione di titoli
new
L’Arbitro ha, in più occasioni, affermato che la sola consegna del “Documento sulla natura e sui rischi degli strumenti finanziari” non è in linea con l’effettivo adempimento dell’obbligo informativo: in particolare, la consegna non è idonea ad integrare l’adempimento dell’obbligo di cui all’art. 31 del Regolamento Intermediari n. 16190/2007, ratione temporis vigente, il quale richiedeva...
Data: 29 Agosto 2023
Decisione n. 6752
(ID Ricorso: 9519)
Voce principale: obblighi informativi
new
L’Arbitro ha, in più occasioni, affermato che l’art. 40 del Regolamento Intermediari n. 20307/2018, rispetto alla previgente disciplina, richiede che la raccomandazione sia formulata previo accertamento della conoscenza da parte del cliente del “tipo specifico di strumento” oggetto della raccomandazione stessa. Nel caso di specie, nel questionario di profilatura prodotto in atti dall’intermediario sono del...
Data: 29 Agosto 2023
Decisione n. 6751
(ID Ricorso: 9478)
Voce principale: servizio di consulenza
new
In caso di mancata esecuzione delle disposizioni di vendita, l’intermediario deve improntare a trasparenza il proprio operato, comunicando in maniera chiara e univoca – soprattutto a fronte delle richieste di spiegazioni avanzate dal cliente – per quali ragioni le disposizioni non sono andate a buon fine. Nel caso di specie, non si può ritenere verosimile...
Data: 6 Luglio 2023
Decisione n. 6667
(ID Ricorso: 9094)
Voce principale: servizio di esecuzione degli ordini
new
L’Arbitro ha, in più occasioni, affermato che la sola consegna del “Documento sulla natura e sui rischi degli strumenti finanziari” non è in linea con l’effettivo adempimento dell’obbligo informativo: in particolare, la consegna non è idonea ad integrare l’adempimento dell’obbligo di cui all’art. 31 del Regolamento Intermediari n. 16190/2007, ratione temporis vigente, il quale richiedeva...
Data: 30 Giugno 2023
Decisione n. 6646
(ID Ricorso: 9431)
Voce principale: obblighi informativi
new
L’Arbitro ha, in più occasioni, affermato che la sola consegna del “Documento sulla natura e sui rischi degli strumenti finanziari” non è in linea con l’effettivo adempimento dell’obbligo informativo: in particolare, la consegna non è idonea ad integrare l’adempimento dell’obbligo di cui all’art. 31 del Regolamento Intermediari n. 16190/2007, ratione temporis vigente, il quale richiedeva...
Data: 30 Giugno 2023
Decisione n. 6645
(ID Ricorso: 9411)
Voce principale: obblighi informativi
new
Secondo il consolidato orientamento dell’Arbitro, la possibilità per il cliente di acquisire la scheda prodotto nell’ambito del servizio di trading on line non risulta in sé sufficiente a dimostrare il diligente adempimento degli obblighi informativi da parte dell’intermediario, in quanto la prestazione del servizio di investimento in modalità on line non può tradursi in un...
Data: 8 Giugno 2023
Decisione n. 6599
(ID Ricorso: 8809)
Voce principale: obblighi informativi
new
È consolidato l’orientamento dell’Arbitro nel senso di ritenere che il servizio di gestione di portafogli è caratterizzato da un elevato grado di discrezionalità dell’intermediario nell’attuazione delle scelte di investimento per conto del cliente. Ciò tanto più, quando, come nel caso di specie, le scelte di investimento compiute dal gestore sono coerenti con la linea di...
Data: 8 Giugno 2023
Decisione n. 6595
(ID Ricorso: 8369)
Voce principale: servizio di gestione di portafogli