Tabacchi, dal bilancio della riforma le proposte per domani

di Marco Spallone, Stefano Marzioni e Alessandro Pandimiglio

Il mercato Italiano dei tabacchi, a due anni dall’entrata in vigore della riforma fiscale del 2015, disegna una situazione equilibrata. Applicando la valutazione di Impatto regolatorio (Vir) emerge che la dinamica di mercato nel biennio 2015-2016 è stata in linea con gli obiettivi di salute pubblica, data la percentuale di fumatori stabile su valori storicamente bassi, e volumi di mercato in diminuzione graduale secondo un trend consolidato nelle economie industrializzate. L’andamento del gettito è stato sostanzialmente stabile, e l’inasprimento del carico fiscale non ha determinato una significativa distorsione della competizione sul mercato.

A confronto con paesi come Germania e Grecia, si ricava che le regole del settore debbano essere applicate con gradualità. Per esempio, incrementi improvvisi e sbilanciati dell’accisa aumentano il rischio di forti contraccolpi della domanda che hanno un duplice effetto: perdita di gettito e nuovo impulso allo sviluppo del mercato illecito, così come avvenuto anche in Grecia.

Al contrario l’esperienza tedesca dimostra i vantaggi di una efficace capacità di pianificazione.

La criticità maggiore del sistema italiano oggi risiede nella corretta identificazione dei presupposti per l’attivazione degli interventi discrezionali da parte dell’Agenzia. Per limitare l’incertezza nei processi decisionali degli operatori, sarebbe stato necessario identificare a priori le condizioni sotto le quali l’Agenzia è autorizzata a modificare la struttura delle accise.

Visto che ridisegnare il sistema fiscale italiano sui tabacchi lavorati è la sfida da intraprendere, lo studio punta a dare una serie di linee guida per il futuro che, al di là dei numeri, si sostanziano nella richiesta di trasparenza e prevedibilità delle politiche fiscali sui tabacchi per garantire la sostenibilità del mercato e la certezza delle entrate erariali future.

Il testo è tratto dall'articolo pubblicato su:

I nostri Partner

 Banca Profilo
 Cnpdac
 Deutsche Bank Asset Management
 EY
 Mercer
 Oasi

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai soltanto comunicazioni in seguito alla tua sottoscrizione. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento.

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana