PA e credito: Il doppio razionamento subito dalle imprese nella crisi del debito

di Crif Credit Solutions

Non sono soltanto i risparmiatori e i “Bot people” a finanziare il gigantesco debito pubblico della Repubblica Italiana. Un ruolo importante è svolto anche dai fornitori della Pubblica Amministrazione che finanziano lo Stato.

Nel 2012, al culmine della crisi del debito sovrano che aveva portato all’esplosione dello “spread” tra titoli di Stato Italiani e tedeschi, le imprese fornitrici della PA dovevano aspettare più delle altre per riscuotere i propri crediti di fornitura. Negli ultimi anni, con le misure varate dal governo per ridurre i tempi di pagamento e smaltire l’arretrato, il divario si è sensibilmente ridotto. Tuttavia, le imprese che forniscono il settore pubblico continuano a dover tenere in bilancio più attività liquide per fronteggiare possibili ritardi del ciclo dei pagamenti, rinunciando a impieghi più produttivi e investimenti per rilanciare la produttività.

Il testo è tratto dall'articolo pubblicato su:
vai all'articolo acquista il fascicolo

I nostri Partner

 Banca Profilo
 Cnpdac
 Deutsche Bank Asset Management
 EY
 Mercer
 Oasi

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai soltanto comunicazioni in seguito alla tua sottoscrizione. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento.

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana