Il crowdfunging, uno strumento alternativo di finanziamento

di Leopoldo Esposito

Tradizionalmente la struttura delle aziende italiane è stata caratterizzata da un ampio ricorso al finanziamento, ovverosia all’indebitamento, sia al fine di sfruttare l’effetto leva, che allo scopo di riportare un negativo in bilancio con evidenti risparmi in termini di tributi; inoltre la maggior parte dei finanziamenti contratti dalle aziende sono prestiti di origine esclusivamente bancaria.

A seguito della crisi economica, però, il capitale delle aziende italiane non è risultato sufficiente per affrontare le difficoltà e, anzi, la situazione generalizzata di sottocapitalizzazione da un lato, e l’eccessivo indebitamento dall’altro hanno amplificato gli effetti, portando molte società a dichiarare lo stato di crisi e quindi a uscire dal mercato.

Si aggiunga inoltre che in questa situazione l’impetuoso centrismo bancario non ha funto da l’elemento decisivo nell’economia di mercato.

È in questa situazione che sono nati strumenti alternativi di finanziamento di particolare rilevanza, tra cui il crowdfunding.

Il testo è tratto dall'articolo pubblicato su:
vai all'articolo acquista il fascicolo

I nostri Partner

 Natixis
 Banca Profilo
 Cnpdac
 EY
 Mercer
 Oasi

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana