I fondi infrastrutturali nella finanza di progetto

di Francesco Baldi

Negli ultimi dieci anni si è registrata una significativa crescita dell’offerta

di fondi rivolti ad investire in asset infrastrutturali con strategie finanziarie

di equity e/o di debito. L’articolo ne descrive il funzionamento e le

tendenze distintive dell’industria internazionale di riferimento, con

riguardo alle capacità finora dimostrate nella raccolta dei capitali d’impiego

(fundraising), nell’individuazione dei target di investimento e nell’ottenimento

di adeguati tassi di rendimento, anche rispetto alle performance conseguite

da fondi chiusi aventi altre strategie di investimento.

 

Il lavoro propone anche una metodologia, basata sulla costruzione di frontiere

rischio-rendimento ispirate alla moderna teoria di portafoglio (Markowitz, 1952), utile al posizionamento strategico di un fondo infrastrutturale mediante (a) la definizione

delle strategie di investimento, tenuto conto delle policy interne di rischio e

dei vincoli settoriali (trasporto, energia, telecomunicazioni) e di specializzazione

(greenfield, brownfield, misti) declinati nei regolamenti approvati dagli

organi di governance; (b) il successivo monitoraggio delle performance (anche a

fronte di benchmark predefiniti); (c) l’eventuale analisi competitiva tra fondi.

 

Infine, sono evidenziate le principali criticità che ancora rallentano il pieno

sviluppo di detto segmento dell’industria finanziaria italiana, individuando

due tipologie di gap – equity gap ed industry gap – che richiedono di essere

colmate con azioni rapide ed efficaci del policy-maker al fine di consentire

l’ammodernamento della dotazione infrastrutturale del nostro Paese.

Il testo è tratto dall'articolo pubblicato su:
vai all'articolo acquista il fascicolo

I nostri Partner

 Banca Profilo
 Cnpdac
 Deutsche Bank Asset Management
 EY
 Mercer
 Oasi

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai soltanto comunicazioni in seguito alla tua sottoscrizione. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento.

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana