Continua la crescita dei pagamenti elettronici. Ma il cammino verso una cashless society è ancora lungo

di Daniela Bastianelli, Kirsten Van Toorenburg, Stefano Pironi

Le rilevazioni presentate nell’ultima edizione dell’Osservatorio sulle Carte di Credito e i Digital Payments, realizzato da Assofin, Nomisma CRIF e GfK, mettono in evidenza una crescita del +1.9% per i pagamenti al dettaglio effettuati nel corso del 2017 con strumenti diversi dal contante, seppur ad un ritmo inferiore rispetto a quanto registrato nel 2016. A tale dinamica corrisponde anche un aumento dei volumi complessivi, pari a +4.9%.

Rimane invece sostanzialmente stabile l’importo medio transato annuo, che si attesta a 1.501 euro contro i 1.506 euro del 2016. Nello specifico, nel 2017 il numero di carte di credito attive nel nostro Paese ha registrato un nuovo lieve calo (-1%) rispetto alla precedente rilevazione, riconducibile prevalentemente al trend delle carte aziendali che risultano in deciso rallentamento.

Nonostante ciò, continua la crescita del numero di transazioni effettuate (+10.2% nel 2017), che porta i volumi al livello più alto dell’ultimo quinquennio. Per altro, anche gli importi transati registrano una performance positiva, con un aumento del +5.6% rispetto al 2016. Il valore medio delle transazioni effettuate con carta di credito è risultato stabile rispetto al 2016 (80 euro), evidenziando come in Italia l’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronici si stia progressivamente diffondendo anche per acquisti di valore più contenuto, grazie anche a una maggiore familiarità degli italiani con lo strumento e alla crescente fornitura di supporti che permettono il pagamento con moneta elettronica.

Da evidenziare anche il recente sviluppo dei nuovi sistemi contactless e mobile, che hanno spinto verso un processo di innovazione realizzato con transazioni cashless che va a sostituire l’utilizzo del contante. Tuttavia, i risultati dell’analisi prodotta dall’Osservatorio Assofin-Nomisma CRIF-GfK indicano che il cammino verso la costituzione di una cashless society in Italia sia progressiva ma ancora molto lenta.

Il testo è tratto dall'articolo pubblicato su:
vai all'articolo acquista il fascicolo

I nostri Partner

 Natixis
 Banca Profilo
 Cnpdac
 EY
 Mercer
 Oasi

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai soltanto comunicazioni in seguito alla tua sottoscrizione. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento.

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana