Minerva Lab

Il fabbisogno di liquidità delle imprese durante la crisi del Covid-19: un metodo di stima
di Fabiano Schivardi, Guido Romano

Il saggio propone un metodo basato sui bilanci delle imprese e su previsioni settoriali per determinare il numero di imprese che mensilmente diventano illiquide a causa della crisi pandemica.
Il metodo è applicato alla popolazione delle società di capitale italiane per il periodo marzo-dicembre 2020. In base alla stima, al picco della crisi circa 200 mila imprese che impiegano 3,3 milioni di addetti entrano in crisi di liquidità. Il liquidity shortage, i prestiti necessari per compensare i fabbisogni delle imprese che entrano in crisi di liquidità, ammontano a € 72 miliardi alla fine dell’anno.
Secondo le nostre valutazioni, il Decreto Liquidità, che fornisce garanzie per i prestiti bancari, è sufficiente per coprire le crisi di liquidità di quasi tutte le imprese analizzate, anche se potrebbe essere entrato in vigore in ritardo. Complessivamente, anche tenendo in considerazione la seconda ondata della pandemia in autunno, i fabbisogni di liquidità delle imprese sono gestibili nell’ambito del Decreto Liquidità.

Il testo è tratto dall'articolo pubblicato su:

Il fabbisogno di liquidità delle imprese durante la crisi del Covid-19: un metodo di stima

Gli articoli dell’ultimo numero di Rivista Bancaria – Minerva Bancaria possono essere scaricati liberamente, previa iscrizione gratuita, al sito www.rivistabancaria.it. Agli articoli dei numeri arretrati si può accedere attraverso abbonamento on-line alla Rivista (al costo di 60€) o l’acquisto del singolo numero (al costo di 10€)