Paolo Sestito

Paolo Sestito
Capo del Servizio Struttura economica di Banca d'Italia

Laureato con lode in Economia e Commercio a Napoli (1983), ha un MBA ISTAO (Ancona, 1984) e un M.Sc. in Economics (1986, with "distinction") di LSE.

Entrato in Banca d'Italia nel 1984, ha lavorato per un anno in Vigilanza a Milano e dal 1986 al 1997 al Servizio Studi, assumendo la responsabilità dell'ufficio congiuntura e poi dell'ufficio prezzi e mercato del lavoro.

Economic Adviser del Direttore Generale nella DG ECFIN della Commissione Europea (1997-1999) e Consigliere Economico del Ministero del Lavoro (2000-2006).

È stato commissario straordinario e presidente dell'INVALSI (2012-13).

In ambito OCSE ha presieduto il Board del Programme for International Assessment of Adult Competencies (2008-13), rilasciato l'8 ottobre 2013, l'Employment and Social Affairs Committee (2006-08) e il Working Group on Employment (2001-06).

Politica Economica | 3 Gennaio 2019

A tre anni di distanza dal varo del Jobs Act (JA) cerchiamo di riassumere alcune valutazioni su questa riforma, forse la principale del governo Renzi, che tenta di portare a compimento alcuni degli interventi effettuati a partire dalla legge Fornero n. 92/2012 (governo Monti) fino al decreto Poletti del 2014, lungo tre direttrici:

  • contrastare il dualismo tra contratti permanenti e temporanei, snellendo e razionalizzando il ricorso ai secondi (anche contrastando il ricorso a collaborazioni e spesso finte “partite iva”) e riducendo i timori delle imprese circa le conseguenze dei licenziamenti dei lavoratori a tempo indeterminato;
  • rendere universale e quindi più equo il sistema degli ammortizzatori sociali, contrastandone i possibili effetti distorsivi sull’offerta di lavoro con un rafforzamento delle politiche attive (tradizionalmente pressoché assenti in Italia);
  • spostare l’asse della contrattazione salariale collettiva verso il livello aziendale o comunque locale, sì da accrescerne l’adattabilità a fronte delle mutevoli e variegate situazioni esistenti sul territorio.

Tali indirizzi avrebbero dovuto completare e complementare le riforme, di liberalizzazione ma solo al margine, attuate nel quindicennio precedente (in primis il cd pacchetto Treu, del 1997, e la cd riforma Biagi, del 2003). Queste, pur non prive di benefici, avevano infatti accresciuto il dualismo tra occupati permanenti e temporanei, acuito la carenza di ammortizzatori per i secondi in caso di perdita d’un posto di lavoro e le criticità discendenti dalla storica assenza di politiche attive del lavoro.

I nostri Partner

 Natixis
 Banca Profilo
 Cnpdac
 EY
 Mercer
 Oasi

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai soltanto comunicazioni in seguito alla tua sottoscrizione. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento.

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana