Value at Risk (VaR)

È una misura del rischio di mercato di una attività finanziaria. Rappresenta cioè la perdita massima ipotizzabile derivante dalla detenzione di un certo prodotto finanziario, su un dato orizzonte temporale (solitamente pari ad 1 giorno o a 10 giorni) e con un dato livello di probabilità statistica (solitamente pari al 95% o al 99%).

La perdita riflette l’interagire di una serie di fattori che il modello ipotizza essere correlati tra loro nel determinare ilaleatorio dell’attività. L’orizzonte temporale scelto per il calcolo del VaR riflette il tempo minimo necessario a smobilizzare l’investimento in caso di perdita (che può essere appunto pari ad 1 giorno su mercati molto liquidi, o a 10 giorni se si ipotizza un maggior tempo necessario allo smobilizzo).

Il Value at Risk viene utilizzato anche per determinare i requisiti minimi di capitale per la copertura di perdite su attività finanziarie generate dai rischi di mercato...

Volete sapere come si calcola? Andate alla voce su:

Bankpedia

I nostri Partner

Banca Profilo
Cnpdac
Deutsche Bank Asset Management
Eurovita
EY
Mercer
Oasi

I più letti di novembre:

Raffaele Lener Vittorio Mirra Luigi Rizzi Daniela Sciullo Alfonso Parziale Carloalberto Giusti Edoardo Rulli Matteo Ghisalberti

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana