Salvatore Luciano Furnari

Freshfields Brockhaus Deringer

Laureato sia in giurisprudenza, con lode e speciale menzione, sia in consulenza e revisione aziendale presso l’Università Luiss Guido Carli all’interno della quale collabora con la cattedra di European Business Law in qualità di cultore della materia.

Dal 2016 lavora per il dipartimento “Financial Services” dello studio legale Freshfields Brockhaus Deringer, dove si occupa principalmente di diritto dei mercati finanziari, diritto bancario e regolamentazione dell’attività bancaria e finanziaria.

Articoli pubblicati su FCHub:

Regolazione | 11-Apr-2018 | pdf

Nel 2017 sono stati raccolti circa 3,7 miliardi di dollari tramite Initial Coin Offering (ICO), uno strumento innovativo di finanziamento il cui utilizzo è cresciuto esponenzialmente a partire dal 2013. Nonostante negli ultimi tempi la stampa e i siti specializzati parlino spesso di ICO realizzate da aziende italiane, in realtà una ICO in Italia non è ancora mai stata lanciata. Benché il management di queste aziende sia in maggioranza italiano, la sede sociale, diversamente, è sempre estera. Considerati gli interrogativi regolamentari che questo nuovissimo strumento di finanziamento solleva, è opportuno chiedersi quali regole sarebbero applicabili (o quali sarebbe meglio applicare) nel caso in cui un’impresa decidesse di utilizzare questo strumento innovativo di finanziamento in Italia.

I nostri Partner

Banca Profilo
Cnpadc
Deutsche Bank Asset Management
Eurovita
EY
Mercer2
Oasi

I più letti di giugno:

Raffaele Lener Orietta Nava Luigi Rizzi Maria Elena Salerno Lucia Frascarelli Alfonso Parziale Carloalberto Giusti Giovanni Parrillo

Siamo anche:

logo Rivista Bancaria logo Editrice Minerva Bancaria logo Collana MOA logo Economia Italiana